Home / PERSONAL SHOPPER DI TE STESSA

PERSONAL SHOPPER DI TE STESSA

Scegli i capi che ti valorizzano!

Sia ben chiaro: credo che non ci si debba vestire per sembrare più belle, più alte e più magre. Come ho già scritto (vedi About) per me “moda e stile” sono un gioco: colori, linee e forme da indossare secondo il proprio modo di essere.

Nonostante ciò, quante volte ci capita di guardarci allo specchio e di trovarci piene di difetti, presunti o reali che siano? Insomma, nonostante ci si dovrebbe vestire prima di tutto per piacere a se stesse, tutte noi abbiamo le nostre giornate “NO”!

Quindi ecco i miei appunti per quando ci sembra che non ci stia bene nulla! 😉

Sono solo semplici accorgimenti, piccoli trucchi da sfruttare nei giorni in cui il nostro senso di autocritica prende il sopravvento! insomma solo se e quando “non ci sentiamo”… perché se volete mettervi dei pantaloni in seta dai colori shocking o dalle fantasie più stravaganti, (che sicuramente non allungano la figura)… indossateli, indossateli ed indossateli! Perché la verità è che una donna sicura di sé, disinvolta e solare è sempre bella qualunque cosa indossi (soprattutto se coerente con il suo stile), a prescindere dall’altezza, dai kili in più e da qualunque altro difetto.

Dovrete essere voi giudici imparziali di voi stesse e se vi piacete superando i vostri complessi/difetti (presunti o reali che siano) se vi sentite a vostro agio…questa è l’unica cosa che conta.

..e quando capita una giornata “No” 😉 ecco qualche escamotage!

Per ciò buona lettura!

Il principio dei seguenti consigli è uno strategico gioco di geometrie e colori che va a bilanciare visivamente (per effetto ottico) forme abbondanti o assenti.

  • Come vestirsi per sembrare più snelle
    • Look total black
    • Righe orizzontali
    • Righe verticali
  • Torace piccolo e fianchi larghi
  • Spalle più larghe dei fianchi
  • Fisico da Pin-Up
  • Silhouette asciutta, alte e magre
  • Corporatura sottile e statura contenuta
  • Pillole su accessori, jeans e altro

Come vestirsi per sembrare più snelle

LOOK TOTAL BLACK

Per cominciare ricordiamo la prima regola che tutte noi conosciamo: le tonalità scure snelliscono, portate dalla testa ai piedi ancor di più.

Per alleggerire un look total black si possono combinare tessuti diversi e accostare le varie sfumature del nero.

Altro escamotage consiste nell’indossare un importante gioiello (oro, perle, argento, pietre dure, ecc. ecc.) oppure un accessorio in contrasto (scarpe rosse, foulard verde smeraldo, ecc). In particolare è consigliabile indossare il gioiello(orecchini o collane) o l’accessorio vicino al viso(tipo foulard)per indirizzare l’attenzione dell’interlocutore, appunto, sul viso piuttosto che sul fisico ed i suoi relativi difetti.

Per chi non vuole osare: con una camicia bianca ed un maglione con scollo a V o un cardigan sarà sempre e comunque impeccabile.

Per un effetto snellente sono da preferire sempre e comunque i colori scuri e opachi(se volete un effetto dimagrante evitate i colori lucidi, cangianti di qualsiasi tonalità).

Per mantenere sempre un effetto snellente, ma evitare il look total black, si possono abbinare molto bene al nero ovviamente il grigio, ma anche capi come il blu, il marrone, il tortora in tutte le loro sfumature ed inoltre tutte le tonalità scure dei vari colori (melanzana, verde scuro,..).

RIGHE ORIZZONTALI NEI PUNTI CRITICI

Altra verità universale è quella di evitare le righe orizzontali nei punti che riteniamo critici e per linee orizzontali intendo anche le troppe cuciture.

RIGHE VERTICALI

Possono invece essere apprezzate le righe verticali, purché fitte e sottili, ma sono da evitare sempre e comunque su tessuti elasticizzati (pantaloni, collant, abiti, ecc). Anche le pieghe sono da considerarsi righe verticali, ma se si vuole apparire più longilinee in realtà bisognerebbe evitare le gonne con troppe pieghe, perché creano volumi indesiderati.

Infine è noto che per affusolare la figura bisogna evitare capi stretch e preferire quelli che scivolano su corpo.

Pieghe, pinces e tasche che si aprono ingrossano inevitabilmente.

SENO GENEROSO O GAMBE MOLTO LUNGHE RISPETTO AL TORACE

Se hai un seno generoso o gambe molto lunghe rispetto al torace per proporzionare il discorso puoi: preferire i colletti in piedi o comunque portarli alzati, giacche con una lunga fila di bottoni, camicie aperte fino all’ombelico con t-shirt o collo alto sotto, anche la cintura può aiutare ad allungare e snellire il torace se viene scelta dello stesso colore del top.

ORLI E PUNTI CRITICI

Orli di qualsiasi capo: evitate che arrivino al punto più largo/critico del corpo.

Per esempio l’orlo delle gonne sotto al ginocchio non deve fermarsi all’altezza della parte più larga del polpaccio. Per la stessa ragione anche gli stivali non dovrebbero fermarsi nella parte più larga del polpaccio.

GAMBE CORTE RISPETTO AL BUSTO

Se invece si hanno gambe corte rispetto al busto generalmente si ottengono vantaggi indossando gonne allungate o vestiti taglio impero. Sono da evitare minigonne “veramente” corte e jeans a vita bassa. Anche in questo caso indossando una cinta dello stesso colore/tonalità dei pantaloni si allungano visivamente le gambe .

TORACE PICCOLO E FIANCHI LARGHI

Chi ha un torace piccolo rispetto a fianchi larghi dovrebbe valorizzare/giocare con la parte superiore del corpo preferendo reggiseni push-up, ampi scolli che richiamano l’attenzione sulla parte alta del corpo, come anche lo scollo a barca che crea una strategica linea orizzontale. Quest’ultimo non è consigliato per chi ha le spalle cadenti, in questo caso bisognerebbe preferire lo scollo quadrato che oltretutto ha anche l’effetto di allungare il collo. Quindi maniche a palloncino, in definitiva top con spalle strutturate sono indicati per spalle e toraci piccoli. Mentre per affinare la parte inferiore sono preferibili gonne fluide non aderenti. Sono da evitare pieghe o drappeggi vari che appesantiscono rendendo più goffa la figura. Per quanto riguarda i pantaloni i modelli migliori sono quelli classici, non aderenti e preferibilmente a vita bassa e non devono stringersi sul fondo.

Qualora piacciano colori accesi o fantasie suggerisco di concentrarle sulla parte superiore del corpo e di riservare monocolori scuri per la parte inferiore. Per indirizzare più efficacemente l’attenzione sulla parte alta/viso gioca con orecchini, collane, foulard, anche un’acconciatura particolare può aiutare.

Per quanto riguarda i tacchi sono da evitare quelli con i cinturini perché accorciano la gamba.

Piccolo escamotage per il periodo estivo: per chi vorrebbe mettersi il costume a triangolo ma pensa di non starci bene…provate a metterlo sopra sotto, i lacci a che vanno intorno al torace legateli intorno al collo e quelli che andrebbero allacciati al collo legateli dietro la schiena, è un trucco efficace, seppur in misura minore anche per chi ha un seno piccolo ma le spalle larghe.

SPALLE PIU’ LARGHE DEI FIANCHI

Chi invece ha le spalle più larghe della linea dei fianchi può valorizzare il décolleté preferendo gli scolli a V(evitando quelli a barca o quadrati) e valorizzare le gambe che dovrebbero essere la parte più magra e affusolata. Per la parte superiore del corpo bisogna preferire capi morbidi che seguano il corpo, evitare i maxi maglioni o le maxi magliette perché creano effetto sacco ma anche i capi aderenti che svelano l’abbondanza della parte superiore. Ovviamente sono da evitare fasce elasticizzate in vita, righe orizzontali, capi strutturati, con drappeggi, cioè volumi che appesantiscano la vostra parte superiore, già importante. Dunque per valorizzare le gambe scegliete gonne a tubo o a portafoglio.

FISICO DA PIN-UP

Per chi ha un fisico da pin-up suggerisco di valorizzare il sottile punto vita anche mettendo in risalto le spalle, per esempio con giacche piccole e pantaloni boot-cut. Dato il seno prosperoso si possono sfruttare i vari tipi di scollatura, in particolare la scollatura a V, magari evitate top troppo stretti, ma sempre per lo stesso motivo sono da evitare magliette, camicie, pullover, ecc troppo lavorati/drappeggi/con tasche.. perché conferirebbero troppo volume ad un busto già perfettamente proporzionato da Madre Natura. Sempre nell’ottica di valorizzare i pregi sono sconsigliate tutti quei capi che cadono dritti fino alla linea dei fianchi, sacrificando il vostro delicato giro vita. Quindi giacchine corte, gonne a tubo e cinture che sottolineano il punto vita sono capi che decisamente possono valorizzare la vostra silhouette. I wrap dress, cioè che si incrociano davanti formando delle diagonali, snelliscono e sono da preferire a quelli che cadono dritti. Data la generosità delle forme sono sconsigliate anche i tessuti stampati e con fantasie eccessive. Nel caso in cui si abbiano anche gambe formose e caviglie robuste cerchiamo di evitare minigonne, pantaloni a pinocchietto e le scarpe modello Mary Jane (quelle col cinturino sulla caviglia). Preferite invece stivali o gonne/abiti che arrivino al punto meno voluminoso di polpaccio e/o coscia. Se invece sono le braccia ad avere volumi generosi evitate maniche aderenti come guanti o maniche tipo quelle a palloncino.

Varie ed eventuali: pieghe, pinces o tasche che si aprono allargano visivamente la figura.

Scegliete camicie che non tirino all’altezza del seno, quindi evitate camicie strizzate sul petto come dovrebbero essere evitati anche i capi troppo larghi che aggravano la figura.

Non sottovalutate gli orli delle gonne, sono strategici. Può succedere che a causa di un fisico generoso sul seno o sui glutei il davanti ed il dietro non cadano pari, in questo caso è necessario far intervenire un sarto. Altrettanto importante è la lunghezza: la regola generale è far cadere l’orlo sul punto più snello della coscia (per minigonne) o del polpaccio (per longuette) mentre una via di mezzo dovrebbe cadere poco più su della rotula.

Come principio generale evitate capi con volumi dove madre natura è stata già generosa con voi: per esempio se avete braccia robuste evitate maniche lavorate, se avete un seno prosperoso evitate camice con colli pieni di voilant, se avete fianchi larghi sono sconsigliate le gonne con tante pieghe, se avete gambe tornite sarebbe meglio evitare gonne con balze, e così via

Per quanto riguarda le camicie il polsino dovrebbe cadere sulla linea del polso, a meno che non si abbiano fianchi sporgenti nel qual caso lo si può portare più lungo in modo da interrompere la linea orizzontale creata dal bacino ed aumentare allo stesso tempo la verticalità della figura.

Per quanto riguarda il discorso pantaloni: il cavallo basso accorcia le gambe. Se il cavallo basso è conseguenza di una felice dieta, nel caso il pantalone sia di ottima fattura potete provare ad infilarci dentro la camicetta, la t-shirt o qualunque sia il top, ed a tirarlo su fino al punto che il cavallo raggiunga la posizione esatta e poggiare la cintura sopra i passanti lasciando sporgere qualche centimetro di tessuto sul punto vita, l’esito di un tale espediente è incerto, ma nel caso fosse positivo si dovrebbe avere un effetto allungante.

I cardigan è consigliabile abbottonarli fino a metà a partire dal basso creando così una scollatura a V. Oppure, in caso abbiate caldo, appoggiarlo sulle spalle con le maniche incrociate oppure legato attorno alla vita con le maniche (normalmente penzolanti) rimboccate tra i pantaloni ed il maglione.

Tacchi… gioia e dolore, esercitano una controversa attrazione su noi donne. I tacchi a spillo sono sconsigliati per gambe imponenti perché esalterebbero il volume delle stesse, così come anche scarpe con tacchi massicci e i modelli MaryJane (quelli con il cinturino alla caviglia) che ingrossano e accorciano la gamba. La soluzione ideale è un profondo scollo della scarpe ed una sana via di mezzo sia in termini di altezza che di dimensioni di tacco(né a spillo, né un cubo). Le scarpe quando sono dello stesso colore dei pantaloni creano un effetto allungante.

Per ciò che riguarda i collant è preferibile scegliere colori naturali, o comunque nero, grigio, blu, ecc. ed evitare fantasie o colori accesi.

Una corporatura robusta/abbondante dovrebbe privilegiare cinte sottili o tuttal’più di altezza media, quelle a fascia o lavorate, ingombranti, ecc, donano per lo più a donne alte e magre.

Qualunque decoro, applicazione, paillettes, fiocco, ecc rischia di ingrossare. Se invece si vuole dare un tocco stravagante/speciale al look conviene esagerare con un solo tipo di accessorio: una fila infinita di bracciali, un intreccio di collane di varie lunghezze e tipologie, ecc…evitate quindi di distribuire con abbondanza gioielli ovunque sul corpo.

SILHOUETTE ASCIUTTA, ALTE E MAGRE

Consideriamo ora donne dalla silhouette asciutta, alte e magre.

In generale scolli troppo ampi non donano a toraci piatti, soprattutto lo scollo a V. Tuttavia a mitigare l’effetto allungante e snellente dello scollo a V si può indossare sotto al pullover una t-shirt o un top a fascia, insomma inserire un elemento di orizzontalità a contrasto della scollatura a V.

Paradossalmente gli scolli vertiginosi (drappeggiati, fluidi, assolutamente NON aderenti) sono una soluzione che vi valorizza. Altra soluzione altamente seducente sono gli ampi scolli sulla schiena.

Sono da evitare anche gli strizzatissimi corsetti che piallano esattamente dove non c’è nulla da piallare, a meno che non siano strategicamente lavorati sulla fascia del seno, creando volumi illusori.

In particolare top con scollo all’americana indirizzano l’attenzione sulle braccia e donano molto.

Quindi qualunque tipo di lavorazione sulla fascia del seno regala l’impressione di un po’ di volume ( per esempio camicie con pettorine più o meno lavorate), come anche la scelta di colori chiari o righe orizzontali all’altezza del seno.

Chi ha una silhouette asciutta può permettersi un tubino a sirena, tuniche in pizzo o in tulle, o ricoperte da paillettes. Se si ha una bella schiena suggerisco di giocare con magliette o abiti con un davanti castigato (tipo anche lo scollo a barca che valorizza le spalle) per poi svelare dietro un ampia scollatura che lasci la schiena completamente nuda.

Normalmente invece sono da evitare canottiere o abitini ampiamente scollati sorretti da sottilissime bretelline, come anche quei top fascianti senza spalline.

Una corporatura esile può giocare sovrapponendo maglie di diverso tessuto, con diverse scollature, diversi colori, ecc. come anche per i pantaloni puoi indossare senza problema i vari modelli.

Gambe molto lunghe possono essere bilanciate da una cintura a vita bassa ed in caso di gonne si consiglia di non sceglierle più lunghe del ginocchio, per non avere un ulteriore effetto allungante.

CORPORATURA SOTTILE E STATURA CONTENUTA

Se invece ad una corporatura sottile corrisponde una statura decisamente contenuta è meglio evitare capi dai troppi volumi (voilant, tulle, ecc), evitate anche di abbondare con troppi accessori o anche singoli accessori di dimensioni esagerate (l’errore tipico è quello di scegliere borse sovradimensionate!). Un abito che decisamente si può sfruttare è quello stile impero. Gli alleati maggiori non sono i capi elasticizzati ma tutti quelli che tuttavia seguono molto fedelmente la tua silhouette, quindi sarebbe sconsigliato tutto ciò che è oversize. Se hai un torace molto magro vale il discorso scritto sopra: generalmente gli scolli a V o molto ampi non ti valorizzano se non sono mitigati da una t-shirt o un top a fascia indossato sotto. Si a giacchine corte, jeans lunghi e aderenti.

Pillole

INTIMO

E’ importante scegliere l’intimo giusto quando si indossano capi aderenti, con trasparenze o di tessuto leggero. In questi casi evitate assolutamente reggiseni o mutande lavorate, con fiorellini, pizzi e merletti che spuntano come bassorilievi dai capi. Evitate anche di scegliere intimo che stringa troppo segnando la pelle e creando quei rotolini (soprattutto per le mutande in zona glutei, nessuna è fuori rischio neanche le magrissime). Scegliete intimo dai colori versatili, carne, nero, bianco, ecc..e dalla superficie liscia. Ottime sono le mutande senza cucitura tagliate a laser, esistono sia culotte, che classiche, che brasiliane. Mi raccomando nella scelta del reggiseno assicuratevi che svolga la sua funzione di sostegno e se necessario sceglietene uno che modelli le forme, lo stesso dicasi per chi vuole aumentare il volume del seno, attenzione al push-up, cercate di conservare una certa naturalezza, non vi devono arrivare al centro sotto al mento! Anche abiti, magliette, camicie, ecc…vi vestiranno meglio.

COLLO CORTO

  • sconsigliati colletti alla coreana, magliette polo, sciarpe, catenine corte, capelli lunghi
  • da preferire scollature ampie (tonde, a V, a barca) ed un taglio di capelli corto

COLLO MOLTO LUNGO

  • sconsigliati scolli profondi, collane extralong, capelli corti
  • da preferire foulard, choker, baveri rialzati ed un taglio di capelli lungo e voluminoso

SPALLE PICCOLE

  • sconsigliate maniche raglan, top a fascia, profondi scolli a V
  • da preferire spalle strutturate, maniche a sbuffo, scollatura a barca

SPALLE LARGHE

  • sconsigliate spalle strutturate, scolli a barca, dettagli che creano volume
  • da preferire maniche reglan, scolli a V, collane lunghe

SENO PICCOLO

  • sconsigliati scollature ampie e top aderentissimi
  • da preferire dettagli che creino volume: ricami, righe orizzontali, ecc.

SENO ABBONDANTE

  • sconsigliati scolli girocollo, dettagli voluminosi, maniche troppo corte
  • da preferire scolli a V, linee morbide, vestiti a vita bassa, cinture sottili

BRACCIA CORTE

  • sconsigliate maniche troppo lunghe, larghe o con mega polsini, troppi bracciali
  • da preferire maniche a tre quarti o risvoltate, che non superino mai il polso

BRACCIA LUNGHE

  • sconsigliate maniche aderenti, a tre quarti o che arrivano sopra il polso
  • da preferire maniche lunghe ma con polsini da risvoltare, tanti bracciali

FIANCHI LARGHI

  • sconsigliati tessuti rigidi, aderenti, cangianti, pieghe, plissè e tasche (soprattutto quando si aprono)
  • da preferire gonne con cucitura centrale, pantaloni lisci, giacche lunghe

SEDERE IMPORTANTE

  • sconsigliati shorts, pantaloni o gonne aderenti, blouson corti e fitted
  • da preferire gonne morbide, giacche lunghe, nero o colori scuri per la parte inferiore del corpo

GAMBE CORTE

  • sconsigliate gonne lunghe, pantaloni larghi o con risvolto, scarpe piatte o col tacco troppo alto
  • da preferire gonne corte, shorts, monocolore, tacchi bassi o medi

Gioielli

I gioielli sono di grande aiuto perché servono ad indirizzare l’attenzione dell’interlocutore lontano dai punti che si vogliono far passare inosservati.

  • Collane: lunghe e filiformi creano una linea verticale, non esagerate con la quantità qualora abbiate un seno generoso. Invece i chockers-collari sono più adatti a colli lunghi e sottili. Sono quindi sconsigliati a toraci piccoli dal collo corto, ma se vi piacciono molto scegliete i più sottili possibili. Quindi in generale le collane più sono voluminose, vale anche per le perle, più tendono a infagottare.
  • Orecchini: devono adattarsi alla forma del viso. Quelli a lampadario donano a visi magri e allungati. Attenzione alle dimensioni esagerate qualora abbiate visi minuti. I pendenti allungano il viso, ma se scendono sotto la mandibola accorciano il collo. Molto versatili sono i classici cerchi sottili, donano più o meno a tutte.
  • Bracciali: con questo accessorio si può giocare con le grandi quantità. Polsi sottili possono essere valorizzati da bracciali filiformi come polsi importanti possono sfoggiare fasce più spesse.
  • Anelli: dovrebbero proporzionarsi alle mani, delicati per mani sottili, più importanti per mani grandi.

BORSE

Le dimensioni delle borse devono adattarsi alle proporzioni delle persona. Una borsa molto grande e morbida farà sembrare una ragazza di media statura meno slanciata, soprattutto se la tracolla è tanto lunga da traslare tutta la silhouette verso il basso. Anche le micro pochette hanno dei consigli d’uso, dovrebbero essere preferite da corporature longilinee o più normali. La soluzione ideale sarebbe una pochette non troppo squadrata e dimensioni non estreme (non micro).

SCIARPE E SCIALLI

In generale un tessuto drappeggiato intorno al collo, appoggiato sulle spalle dirige l’attenzione verso il viso, mettendo in secondo piano eventuali difetti della silhouette. In questo senso i foulard quadrati sono meno efficienti rispetto a sciarpe o tessuti lunghi che danno un maggiore effetto verticale. È consigliabile portarle esternamente, tipo sotto i revers del blazer, se si indossano collane o colli o colletti importanti.
Sciarpe e scialli possono essere indossati in vari modi: girati intorno al collo con le estremità pendenti oppure se non sono troppo voluminosi con le estremità infilate nei vari giri a simulare un collo, a cappio o annodato come una cravatta. Importantissima è la scelta del colore che deve illuminare il viso. Generalmente si dice che gli scialli multicolore contengano almeno una sfumatura dell’abbigliamento indossato (ma io non sono d’accordo!).

CONSIGLI SUI JEANS

  • Jeans a Vita Alta: slanciano le gambe nascondono timide pancette e rendono meno piatto un sedere piatto.
  • Jeans a Vita Bassa: ridimensionano i fianchi larghi del fisico a pera e allungano una parte superiore piccola o abbondante (corporatura a mela).
  • Jeans Boot Cut: aderenti sulla coscia, si allargano dal ginocchio in giù. Sono jeans democratici che consentono alle varie silhouettes di apparire nel modo migliore.
  • Jeans Dritti: scendono in modo rettilineo dal ginocchio alla caviglia, allungano le gambe e quindi donano ai fisici a mela ed a quelli con gambe corte rispetto al busto.

ULTIMI CONSIGLI SUI JEANS

Scegliete la taglia giusta, evitate l’effetto “sottovuoto” e non temete di chiedere una taglia in più se necessario, consapevoli che risulterete più longilinee.
Allo stesso modo non scegliete pantaloni troppo comodi su e stretti giù, che conferiscono l’effetto anfora, siate fiere delle vostre forme e scegliete la taglia che le segua fedelmente.
Preferite jeans con tasche regolari, valutate le variazione sul tema, perchè quelle piccole, oblique e quelle che proprio neanche ci sono aumentano le dimensioni del posteriore.

IL BUDGET PER LO SHOPPING

Infine un ultimo parere su come investire il budget: è sicuramente meglio privilegiare una quantità minore di capi di qualità piuttosto che sprecare denaro comprando molte cose che dopo qualche lavaggio fanno pallini, si ristringono, scoloriscono, ecc. in particolare credo sia saggio investire in capi di qualità classici, senza tempo e quando possibile regalarvi un pezzo/accessorio speciale. Per quanto riguarda i cosiddetti “capi di tendenza” destinati a bruciarsi nell’arco di una stagione consiglio di sfruttare le catene tipo Zara, H&M, Mango, ecc. ecc… scegliendo attentamente si possono trovare pezzi di moda/trendy che abbinati con il restante 80-90% del vostro guardaroba di qualità regalano un look glamour-chic impeccabile.

images via We Heart It

7 commenti

  1. post davvero interessante :-)

  2. Ciao! Tenendo conto che il budget è sempre molto risicato :,( quali marche consigli per il guuardaroba classico di qualità?

    • Coffeeblooms
      Coffeeblooms

      Ciao, come avrai notato anche dal blog io vesto molto Zara, negli anni è molto migliorata sia nella qualità che nelle linee dei capi proposti…mi trovo molto bene.

  3. Ciao!Complimenti per l’ottimo gusto!Il prossimo weekend andrò in montagna in Val d’Aosta…mi invieresti qualche suggerimento sul look per il giorno e per la sera? Grazie.
    Ciao!
    Mari

    • Coffeeblooms
      Coffeeblooms

      Ciao! grazie per i complimenti! :) In realtà non sono molto brava a dare consigli così specifici, io sono la prima ad entrare nel panico quando devo fare le valigie, e se sento freddo e se sento caldo, e se piove, ecc….infatti per questo genere di suggerimenti vorrei consigliare a te, come a tutte le altre ragazze il blog di Anna

      http://modaperprincipianti.com

      lei da infiniti spunti su come vestirsi in funzione delle occasioni, delle forme del corpo, ecc. è davvero molto brava!!

  4. Ciao,io ho 55 anni e peso 53 kg altezza 1,60,per cortesia vorrei sapere se posso indossare un vestito corto 5 cm sopra il ginocchio,stretto in vita con gonna svasata,stile anni 60 abbinato a pantaloni stretti quasi come i leggins,e scarpe con tacco,per coprire così le gambe non molto perfette,non metto leggins troppo stretti perchè ho le gambe magre. Grazie per l’attenzione,un saluto..

    • Coffeeblooms
      Coffeeblooms

      Ciao, io direi di si, se indossi anche dei pantaloni che non sono stretti come i leggins puoi scegliere vestiti anche più corti.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Scroll To Top